Posted on

Come affrontare il rientro post vacanze

Il ritorno dalle vacanze estive può essere davvero traumatico: secondo alcuni studi, soffre di stress da rientro il 50% della popolazione.

Durante le ferie i tempi sembrano allungarsi, si dorme di più, si fa più attività fisica e ci si rilassa. Il rientro alla quotidianità può portare ad un aumento dello stress, che si manifesta in mancanza di concentrazione, ansia e nervosismo, spossatezza e leggera depressione.

Ecco allora qualche consiglio per dare una mano a se stessi a superare il momento di passaggio.

1) Concedersi del tempo all’aria aperta

In spiaggia o in montagna, durante le vacanze il corpo si è abituato alla luce del sole e la luce artificiale dell’ufficio o di casa può causare stress. Concedetevi molte pause all’aria aperta, saranno sufficienti quindici minuti ogni due ore per far abituare gradualmente il vostro organismo al cambiamento; approfittate di ogni momento utile per uscire a sgranchirvi le gambe, riattivare la circolazione e far riposare mente e corpo.

2) Delegare

Quest’estate viaggiatori di tutta Italia si sono visti rovinare le vacanze a seguito dei numerosi ritardi o cancellazioni dei voli. Se il ritardo supera le tre ore o la cancellazione del volo non ha avuto un preavviso di almeno 14 giorni, il volo è rimborsabile. Tuttavia, le pratiche di risarcimento sono lunghe e complesse e rischiano di procurare altro stress.

Per evitare di incappare in complicate pratiche burocratiche ci si può affidare alle molte applicazioni presenti sul mercato in grado di dare supporto legale a tutti i passeggeri in pochi semplici passaggi.

Con AirHelp, per esempio, basta scannerizzare la propria carta d’imbarco sull’app (gratuita e disponibile per iOS e Android) e si prenderà carico della vostra richiesta di risarcimento in pochi secondi.

3) Coltivate il tempo libero

Le attività extra quotidiane possono aiutare corpo e mente a rilassarsi e trovare nuovi svaghi. L’orticoltura e il giardinaggio, per esempio, sono ormai considerate vere e proprie attività terapeutiche. A tal proposito, ManoMano.it, il più grande e-commerce europeo di bricolage, ha interpellato la dottoressa Fanny Migliaccio: “alla base della garden therapy e dell’ortoterapia c’è la teoria che l’essere umano si è evoluto imparando a vivere a contatto con la natura. Ecco perché coltivare una pianta, un frutto, un ortaggio, un fiore, ci fa sentire così bene, perché ci riconduce alla nostra essenza”.

4) Una pausa a regola d’arte

Nei giorni di pioggia settembrini un’attività manuale e creativa può aiutare per ritrovare la calma, vincere lo stress e divertirsi. Una stampa da colorare, qualche matita o pennello, un motivo geometrico o il particolare di un disegno più complesso, possono diventare utili per «staccare la spina».

Su Posterlounge.it, per esempio, si possono trovare vari modelli di poster da colorare con tutta la famiglia realizzati da vari artisti: dalle opere dei grandi maestri dell’arte classica e contemporanea, fino a un’ampia selezione di opere realizzate da giovani talenti.

5) Un’alimentazione sana

Lo zucchero è fondamentale per il cervello: ha bisogno di carboidrati semplici, come possono essere frutta, yogurt e latte, e di carboidrati complessi, come pasta, pane e cereali. Durante le vacanze le regole base di un’alimentazione corretta possono essere sfuggite di mano, settembre è il momento giusto per riprenderle e donare nuova energia al proprio corpo. Inoltre, mettersi ai fornelli può essere un modo per mangiare sano e al tempo stesso rilassarsi, magari preparando una torta gustosa ma al 100% naturale, utilizzando ingredienti biologici e privi di agenti chimici: basta soltanto mettere nel carrello gli ingredienti giusti. Decorì, brand del Gruppo Lo Conte specializzato nei lieviti e nelle decorazioni per dolci, ha ideato una linea di lieviti interamente bio, l’unica certificata Vegan, con 4 lieviti Bio, 5 per intolleranti ai lieviti e 5 senza glutine, premiata dalla Federazione Internazionale dei Pasticcieri.

6) Dimenticare le pulizie di casa

Tornati dalle ferie, l’ultimo pensiero che si vorrebbe affrontare riguarda le pulizie di casa. Una volta rientrati infatti, ci si vorrebbe solo rilassare sul proprio divano e stare quanto più lontano da aspirapolveri e simili. Per risolvere il problema e continuare le vostre serie tv senza interruzioni potete affidarvi al nuovo robot ad intelligenza artificiale di Ecovacs Robotics, Deebot Ozmo Slim10. Il nuovo robot aspirapolvere di casa Ecovacs è in grado di aspirare e lavare i pavimenti in un solo passaggio, passare sotto i mobili più bassi grazie ai suoi 5,7 cm di altezza ed è controllabile direttamente dall’app: insomma, non dovrete neanche alzarvi dal divano per accenderlo.

7) Organizzare lo spazio, aumentare la produttività

Prima di tornare alla scrivania e iniziare a lavorare a 360° gradi, prendetevi del tempo per riorganizzare lo spazio. Un nuovo ambiente ordinato e pulito aumenta la produttività e l’efficienza. Bonfiglioli Consulting, società di consulenza direzionale specializzata nella metodologia Lean, ha dimostrato che proprio a partire dal tavolo di lavoro, l’applicazione della regola d’oro delle 5S (sgomberare, sistemare, splendere, standardizzare e sostenere) può portare a un aumento di produttività fino al 40% e una riduzione di errori fino al 50%.

8) Fare sport

Potrà sembrare assurdo ma durante le vacanze il corpo si è abituato a un’attività fisica diversa da quella del quotidiano. L’organismo si è infatti dimenticato delle otto ore in ufficio e potreste cogliere l’occasione per non fargli dimenticare anche quest’anno cosa significa fare sport: iniziate nuove attività come il jogging, lo yoga o il nuoto, aiuteranno il corpo a ritrovare energie e la mente troverà nuovo benessere. Se la giornata è già piena di impegni, approfittate del bel tempo per andare al lavoro in bici.

9) La meditazione

Per liberarvi dallo stress dei primi giorni di lavoro potreste pensare di concedervi una buona e sana abitudine prima di andare a dormire: la meditazione. Pare che ci vogliano solo 5 minuti di meditazione al giorno per rilassarsi. In un mondo in cui la mente è sempre impegnata a pensare o a immagazzinare informazioni, è fondamentale fermarsi per qualche minuto, prestare attenzione a quello che si ha intorno e semplicemente vivere il presente.

10) Programmare un altro viaggio

Un sondaggio condotto da Project Time Off ha dimostrato che le persone che programmano le vacanze sono più felici di quelle che non le programmano. Il solo pensare a un’altra vacanza, all’organizzazione di un weekend fuori porta o a qualsiasi attività che abbia come obiettivo il relax stimola il rilascio di dopamina, l’ormone dell’euforia che dona subito una sensazione di piacere. Su SkyScanner.it basta inserire le date scelte per il nuovo weekend di relax e l’app selezionerà i voli più economici per quei giorni; dopodiché dovrete solo pensare all’organizzazione del vostro prossimo viaggio.

Posted on

Che cos’è il “MEMORY FOAM”

Il Memory foam è un materiale rivoluzionario nel campo dei materassi, essendo termosensibile si adatta perfettamente alla forma del nostro corpo, è antibatterico ed antiallergico.

Pensate che questo materiale fu realizzato dalla nasa negli anni ’60 con l’obiettivo di dare maggior comfort agli astronauti.

Nello specifico si tratta di una schiuma poliuretanica altamente tecnologica e ad alta resilienza, traspirante e studiata per durare nel tempo.

Vi voglio mostrare in particolare la nostra linea di materassi “ DEEP MEMORY”  :

Vi mostro un estratto:

la lastra sotto è la base rigida che sostiene il peso del corpo e del materasso, questi buchi sono presenti lungo tutto il materasso e servono per la circolazione dell’aria.

Mentre questa lastra superiore è il memory foam (ben 9 cm.) che si modella perfettamente alla forma del nostro corpo, consente infatti di ottimizzare le posture e distribuire in maniera uniforme la pressione del peso della persona, garantendo un sonno salutare, sereno e di qualità.

Questo materasso è consigliato a tutti coloro che soffrono di mal di schiena, cervicale, sciatica ed ernia.

E’ disponibile in 2 versioni: SEMI-RIGIDA che supporta fino a 90 kg. di peso e RIGIDA che  supporta fino a 130 kg. di peso.

E’ un dispositivo medico CE quindi detraibile fiscalmente al 19%.

Inoltre, in questo momento c’è un super promozione in corso, questi materassi sono scontati del 40%, quindi cosa aspettate io l’ho già preso ora tocca a voi.

Nasa Memory foam
Posted on

Le 8 regole per il riposo perfetto

Avere un buon materasso

Un buon sonno notturno è importante. Facile a dirsi, ma non sempre a farsi. Ecco allora che vi sono delle piccole regole che possono aiutare a prendere Sonno con maggior facilità e a evitare interruzioni notturne. Innanzitutto, per quanto possa sembrare banale, per dormire bene è importante avere un letto comodo. Oltre ai materassi a molle, oggi sono disponibili diversi tipi di materassi in memory foam o in lattice tra cui scegliere, per assicurare a corpo e mente un riposo notturno confortevole.

Staccare con il mondo e mettere la mente a riposo

Assicurarsi che la stanza abbia una buona temperatura, spegnere lo smartphone e svuotare la mente sono delle azioni fondamentali prima di mettersi a letto. Qualcosa non si riesca davvero a smettere di pensare, riuscire ad addormentarsi può sembrare davvero un’impresa impossibile. Ecco perché gli esperti consigliano di mettere in atto piccole strategie di rilassamento, come la meditazione, la preghiera o l’ascolto di musica. Ma è importante anche riflettere su una cosa: meglio riflettere a mente serena e provare a lasciare i pensieri al giorno successivo.
Importante, inoltre, evitare tutte le fonti di interruzioni del sonno. Si consiglia, dunque, di assicurarsi di aver compiuto, prima di andare a letto, tutte le azioni (andare in bagno, spegnere la luce) che poi potrebbero costringerci ad alzarci durante la notte.

Non bere caffè o sostanze eccitanti

Prima di mettersi a letto è assolutamente da evitare l’assunzione di sostanze eccitanti o bevande stimolanti come il caffè o il tè. E’ consigliabile anche evitare un uso eccessivo durante il giorno. Si consiglia in generale di evitare di assumere caffeina a partire da almeno 6 ore prima di coricarsi.

Smartphone e tablet

Assolutamente da evitare è l’utilizzo di dispositivi elettronici prima di andare a dormire ma anche durante la notte. E’ consigliabile infatti spegnere eventuali ipad e cellulari perché questi ultimi emettono una luce blu che aumenta il senso di allerta e disturba il sonno. Una fonte luminosa che potrebbe persino ostacolare la produzione di melatonina, l’ormone che aiuta l’Organismo a rilassarsi e ad addormentarsi.
Ma non è tutto. Secondo l’Oms, infatti, forti rischi derivano dal fatto che i campi magnetici sprigionati dagli apparecchi provocano la circolazione di correnti all’interno del corpo che possono provocare la stimolazione di nervi e muscoli o influenzare altri processi biologici.

Mangiare bene

La salute, come sempre, passa anche dalla tavola. E lo fa anche il sonno. Consumare alcuni alimenti, infatti, potrebbe aiutare ad addormentarsi. Un utile supporto può venire infatti ciliegie, semi di zucca, latte e yogurt, ricchi di triptofano, un Aminoacidoessenziale che favorisce la produzione di “sedativi naturali” come la serotonina e la melatonina. Agevolano l’addormentamento anche i cibi caratterizzati da un elevato indice glicemico come il riso, che si consiglia di assumere 3-4 ore prima di coricarsi. In ogni caso è utile evitare cene abbondanti o ipercaloriche, soprattutto i pasti a base di proteine (pesce, carne).

Abitudini regolari

Avere degli orari fissi, svegliarsi a una certa ora la mattina e andare a letto in modo regolare la notte può essere un valido supporto per non passare le notti in bianco. Le abitudini infatti in qualche modo programmano i fabbisogni biologici del corpo, tanto da far sì che alzarsi al mattino potrebbe persino risultare se non agevole, almeno non faticoso.

Altri piccoli consigli

Andare a letto solo quando si sente la necessità di dormire, evitando di sforzarsi; limitare le ore di riposo pomeridiano, utilizzare il letto soltanto per dormire, evitando di studiare o guardare film sul materasso; evitare l’esercizio fisico a media-alta intensità prima di andare a letto e non fare il bagno prima di coricarsi, ma almeno 1-2 ore prima.